fbpx
Lugano-Lucerna (1-1)

Lugano-Lucerna 2-3 (1-1)

Il Lugano d’emergenza è uscito sconfitto dal Lucerna dopo una partita rocambolesca, nel corso della quale i bianconeri sono andati due volte in vantaggio. Oggi Jacobacci ha dovuto rinunciare alla spina dorsale della sua squadra e cioè a Maric, Custodio e Sabbatini, oltre che a Macek. Ha quindi optato per una difesa a quattro, con a centrocampo Covilo affiancato da Lovric e Guidotti. Gerndt e Bottani si sono schierati sugli esterni a sostegno della punta Abuabakar. I bianconeri sono passati in vantaggio già dopo dieci minuti grazie a un corner battuto da Gerndt dalla capocciota da centro area di Covilo (TiPress). E’ seguita una fase di controllo e assestamento, il Lucerna ha avuto all’attivo solo un tiro di Ugrinic deviato in angolo da Baumann. Quando ormai si stava solo aspettando il fischio di metà tempo da una mischia in area il pallone è carambolato sul corpo di Kesckes. Il VAR ha richiamato l’arbitro che ha concesso il rigore trasformato da Schulz. Nel secondo tempo è stato ancora sul Lugano a partire con maggior decisione e al 66′ è arrivato il vantaggio con bella spizzicata di testa di Covilo a metà campo che ha innescato Guerrero il cui centro in area, deviato da Guidotti è giunto a Bottani che ha insaccato. Da registrare subito dopo altre due occasioni per Guerrero e Lovric parate da Müller. A questo punto con l’inserimento di Oss la squadra ticinese è tornata alla difesa a cinque ma Celestini ha tolto dal mazzo il suo jolly inviando in campo Tasar. E’ stato lui, con due solitari pezzi di bravura, a risolvere la contesa a favore dei confederati. Prima con un bel tiro di sinistro sul secondo palo e a due minuti dalla fine su punizione dal limite dopo che il Lugano aveva perso la palla a centrocampo. Da notare che il fallo di Daprelà da cui è scaturita la punizione dal limite pare inesistente (l’avversario è scivolato) e che la baeeirra sul tiro di Tasar si è aperta.

Peccato perché la vittoria era alla portata nonostante le numerose e importanti assenze. ma anche il pari sarebbe stato un risultato più che equo. Il Lucerna oggi ha raccolto molto più di quanto abbia seminato e con due palle ferme porta a casa i tre punti. Questo è il calcio.

RETI: 10′ Covilo, 45′ Schulz (rigore), 66′ Bottani, 81′ Tasar, 88′ Tasar.

AMMONITI: Covilo, Emini, Kesckes, Bottani,Lovric, Sorgic.

LUGANO: Baumann, Lavanchy, Kesckes, Daprelà, Guerrero, Lovric, Covilo, Guidotti (86′ Centinaro), Gerndt (63′ Oss), Abubakar (86′ Ardaiz), Bottani (80′ Lungoyi).  Indisponibili: Sabbatini e Macek (squalificati), Maric e Custodio (infortunati).

LUCERNA: Muller, Wehrmann, Knezevic, Sidler, Burch, Schulz, Ugrinic, Emini (52′ Tasar), Schaub (73′ Schürpf), Ndiaye, Sorgic. Indisponibili: Frydek e Schwegler (squalificati), Grether (infortunato).

ARBITRO: Alessandro Dudic. Assistenti: Sladan Josipovic e Matthias Sbrissa. Quarto arbitro: Luca Piccolo.

 

Ascolta l'audio dell'articolo