fbpx
Lugano-Anderlecht 1-2 (0-0)

Lugano-Anderlecht 1-2 (0-0)

Se nel disco su ghiaccio giocare due partite nel giro di una ventina d’ore è normale, nel calcio ciò può avvenire al massimo nella fase di preparazione. Il Lugano -sceso in campo venerdì pomeriggio  contro l’Anversa- ha affrontato sabato mattina l’Anderlecht, altra formazione belga. In campionato Kompany e soci faticano rispetto agli avversari, anche se il valore della loro rosa (133 milioni di euro) è più del doppio di quello dell’Anversa.

Per il secondo test amichevole in Spagna mister Jacobacci ha recuperato Bottani e Aratore mentre Lavanchy, problemi a un ginocchio, ha dovuto dare forfait così come Daprelà (reduce da una brutta influenza) e Gerndt.  

Anche in questa gara il tecnico ha impiegato tutti gli uomini a disposizione mentre i belgi, che sono in procinto di iniziare il proprio campionato, hanno mantenuto in campo la formazione titolare con solo un paio di cambi nel finale.

A differenza di venerdì, quando nella prima mezzora era stato il Lugano a far vedere le cose migliori, contro l’Anderlecht i primi 20 minuti Maric e compagni hanno dovuto difendersi dai furiosi assalti avversari. Lo hanno fatto con ordine e con un paio di ottimi interventi di Da Costa. Col passare dei minuti la squadra ticinese ha alzato il suo baricentro e sono arrivate occasioni per Sabbatini, Junior e Custodio. La migliore è stata creata al 25′ da un centro rasoterra di Bottani sul quale Junior non è riuscito a deviare in scivolata per un pelo. Il primo tempo si è chiuso sullo zero a zero.

Nella ripresa la giovane squadre messa in campo è stata castigata dalla sfortuna. Prima su calcio d’angolo, una sfortunata deviazione in mischia di Kompany carambolata sugli stinchi di un difensore ha spiazzato il portiere. Poi -dopo una clamorosa traversa colpita da Sasere- i belgi sono ripartiti in contropiede favoriti anche da uno scivolone di Obexer e hanno messo a segno il raddoppio.

Meritatissima la rete bianconera messa a segno a poco dal termine da Lovric con un astuta punizione da 25 metri che ha sorpreso il portiere troppo avanzato. E nel finale con un colpo di testa di Gouano su cross di Jovanovic il Lugano avrebbe addirittura potuto pareggiare.

La partita è stata disputata alla Pinatar Arena dove i bianconeri si allenano in questi giorni. davanti a 300 spettatori (tutti belgi).

Nella foto: Junior alle prese con gli arcigni difensori dell’Anderlecht.

RETI: 56′ autorete, 64′ Amuzu, 88′ Lovric.

LUGANO (primo tempo): Da Costa, Yao, Maric, Sulmoni, Obexer, Sabbatini, Selasi, Custodio, Bottani, Junior, Aratore. Indisponibili: Daprelà, Lavanchy, Gerndt, Kecskes.

LUGANO (secondo tempo): Da Costa, De Queiroz, Covilo, Maric (70′ Sulmoni), Obexer (70′ Jovanovic), Lovric, Selasi, Guidotti, Junior (70′ Holender), Sasere, Gouano.

ANDERLECHT: Van Crombrugge, Murillo, Kompany, Luckassen, Sardella, Kayembe, Sambi Lokonga, Chadli, Doku, Colassin, Amuzu. Allenatore: Franck Vercauteren.

ARBITRO: Jorge Diaz Escudero (Spagna),