fbpx
Lugano-Zurigo (1-0)

Lugano-Zurigo 1-0 (1-0)

Bella vittoria del Lugano che conferma di essere intrattabile a Cornaredo. I tre punti odierni portano la squadra del presidente Renzetti a quota 40 punti in classifica e con una differenza reti che vale un altro punticino. La vittoria sullo Zurigo è stata fortemente voluta. Mentre gli uomini di Magnin sono scesi in Ticino per limitare i danni, con uno schieramento abbastanza difensiva, i bianconeri (nonostante le defezioni) hanno cercato sin dall’inizio di imporre il loro gioco.

Purtroppo il primo tempo è stato caratterizzato dal nervosismo creato da alcune decisioni arbitrali. A due riprese su interventi sospetti in area a carico di bianconeri il direttore di gara ha deciso di intervenire sanzionando Sabbatini e Yao per simulazione. Da due possibili rigori insomma a due gialli già nella prima mezzora di gioco. Il terzo ammonimento è stato anche quello a carico di un bianconero: Lovric.

Per il resto il Lugano ha attaccato in maniera preponderante. Ci sono stati nell’ordine un tiro di Lavanchy deviato da un difensore, conclusioni di Guidotti e Sabbatini alte di poco e finalmente la rete del vantaggio. Custodio (tiPress) da 18 metri ha infilato l’incrocio dei pali: nulla da fare per Brecher.

Nella ripresa i padroni di casa hanno spinto ancora, anche se gli zurighesi sono stati costretti a cercare qualche offensiva e su tiri di Kololli, Rüegg e Kryeziu il portiere Baumann si è dimostrato un baluardo insuperabile. Da notare il palo colpito da Kololli e la traversa presa in pieno da Jefferson su punizione. In sostanza la difesa ha retto benissimo gli assalti avversari, il centrocampo guidato da un generosissimo Custodio e da un ispirato Guidotti ha sovrastato lo Zurigo. In avanti -viste le assenze di Janga, Gerndt e Holender- è toccato allo sgusciante Lungoyi e all’esperto Sabbatini sostenere il peso delle offensive. I due se la sono cavata più che egregiamente.

Applausi al termine dell’incontro per una squadra generosa che è a due punti da quelle che la precedono in classifica. Peccato per i punti persi qui e là in partite che avrebbero meritato un esito diverso. Ma accontentiamoci di queste prestazioni post-Covid frutto di temperamento, tecnica e coesione. 

RETE: 36′ Custodio

AMMONITI: Sabbatini, Lovric, Custodio, Yao, Nathan, Domgjoni, Seiler.

LUGANO: Baumann, Kesckes, Maric, Daprelà, Lavanchy, Custodio, Lovric (78′ Covilo), Guidotti, Yao (73′ Jefferson), Sabbatini, Lungoyi (90′ Macek). Indisponibili: Holender (squalificato), Janga, Gerndt (infortunati).

ZURIGO: Brecher, Kramer, Nathan, Rüegg, Kempter, Domjoni, Kryeziu M., Schönbächler, Sohm, Kololli, Kryeziu H. Indisponibili: Marchesano.

ARBITRO: Alessandro Dudic. Assistenti: Jan Köbeli e Efe Kurnazca. Quatro arbitro: Luca Piccolo.

Ascolta l'audio dell'articolo