Un nuovo ambulatorio per il settore giovanile

    Un nuovo ambulatorio per il settore giovanile

    Continua senza sosta il programma di riconfigurazione delle strutture per il settore giovanile.
    Da qualche settimana è stato installato a Cornaredo un nuovo ambulatorio riservato all’attività del vivaio bianconero.

    La dottoressa Calvaruso, responsabile dell’area medica per Football Club Lugano Settore Giovanile:
    “L’installazione di questa nuova struttura da un taglio decisamente più professionale al servizio che la società vuole dare ai giocatori.

    Fino a pochi mesi fa eravamo in un ambulatorio in condivisione con altre realtà sportive che gravitano attorno allo stadio Cornaredo, non una situazione ideale per gestire un momento così delicato come l’infortunio di un giovane giocatore. Con il nuovo ambulatorio è cambiato tutto: adesso abbiamo la possibilità di seguire con attenzione tutti i passaggi  della gestione di un infortunio.

    Per molti di questi ragazzi e conseguentemente per le loro famiglie, si tratta di gestire una situazione nuova, a cui non si è mai pronti. Un luogo tutto nostro, dove interagire con il giocatore e condividere con lui, un momento molto importante come il superamento di un infortunio.

    Quando un ragazzo subisce un infortunio, veniamo avvertiti e immediatamente andiamo sul campo per una prima diagnosi. Se la condizione del ragazzo lo permette, lo portiamo nel nuovo ambulatorio, dove lo staff medico decide se e a quali esami diagnostici dobbiamo sottoporre il ragazzo per avere una diagnosi più approfondita. Nel caso in cui l’infortunato non abbia bisogno di ulteriori accertamenti, iniziamo l’iter di recupero dell’infortunato coordinandoci con i fisioterapisti che a loro volta si metteranno in contatto con i preparatori atletici ed infine con gli allenatori. Tutto questo per assicurare al ragazzo il percorso ideale per tornare in campo senza rischi.”

    Il nuovo ambulatorio è un ulteriore passo in avanti per garantire ai nostri tesserati il miglior servizio possibile.

    Commenta l'articolo