fbpx
    Comunicazione Ufficiale FC Lugano

    Un giocatore positivo al coronavirus, un altro in quarantena

    L’FC Lugano desidera informare in merito ai risultati dei testi condotti prima della ripresa degli allenamenti in programma lunedì 25 maggio 2020. Da subito la società bianconera, di concerto con il medico responsabile Dott. Peter Jenoure ed il Team Doctor Dott. Marco Marano, ha deciso di sottoporre preventivamente giocatori, staff tecnico e staff amministrativo che avrà contatti frequenti con la prima squadra ad un test del tampone e ad un test sierologico. Questo malgrado la Swiss Football League e l’Ufficio Federale della Sanità Pubblica non abbiano imposto un obbligo.

    Risultati del test del tampone:

    • Un giocatore (“giocatore A”) è risultato positivo al tampone e dovrà osservare 10 giorni di isolamento. Egli è asintomatico e si sente bene.
    • Un secondo giocatore (“giocatore B”) è stato a contatto ravvicinato con il primo e, secondo le direttive dell’ufficio del medico cantonale, dovrà osservare una quarantena di 10 giorni. I due non hanno rispettato le direttive della società che proibivano esplicitamente contatti stretti e prolungati.

    Risultati del test sierologico:

    • Due altri giocatori ed un dipendente amministrativo sono risultati positivi al test sierologico (ma negativi al tampone). Questo significa che hanno contratto il virus nelle scorse settimane e sono ora guariti. Come misura preventiva uno dei due calciatori è già stato sottoposto ad esami medici approfonditi che ne hanno accertato l’idoneità ad allenarsi regolarmente. L’altro verrà sottoposto agli stessi test lunedì.

    Preventivamente, un totale di 3 giocatori si alleneranno a parte in attesa di valutare l’evoluzione clinica del giocatore B.

    L’FC Lugano approfitta di questo comunicato per consigliare a tutti i club di effettuare dei test alla ripresa degli allenamenti, e ringrazia il proprio staff medico per l’eccellente supporto e professionalità messa a disposizione in queste settimane molto particolari.

    Ascolta l'audio dell'articolo