fbpx
San Gallo-Lugano  0-1 (0-0)

Rigore di Maric: San Gallo-Lugano 0-1 (0-0)

Il Lugano torna alla vittoria. Lo fa soffrendo ma meritando alla fine di vincere una vera e propria battaglia. Quella contro il San Gallo è stata una sfida molto equilibrata, combattuta sul piano fisico e tattico e con qualche vuoto tecnico da ambo le parti. I ragazzi di Jacobacci sono stati bravi a mantenere sempre un certo equilibrio anche di fronte al possesso palla avversario. Già nel primo tempo, quando pur il gioco non era stato trascendentale e molto spezzettato a metà capo, il Lugano aveva avuto due occasioni. Una di testa con Daprelà su angolo di Lovric, ma la palla ha colpito la traversa e una con Guerrero che ben servito da Bottani ha calciato a fil di palo. Nella ripresa i ticinesi hanno alzato il loro baricentro. Lo staff ha inserito Guerrero a fianco di Abubakar (buono il suo esordio) e la squadra ha cominciato a premere con insistenza. I sangallesi hanno avuto un solo vero tiro in porta (di Kräuchi deviato da Guerrero) ma Baumann è stato bravo a smanacciare in angolo. A un quarto d’ora dalla fine -quando i locali hanno perso Boubacar per doppio ammonimento- Sabbatini e compagni hanno capito di poter e dover vincere il match. Si sono buttati in avanti e Macek è stato atterrato da Staubli in area. E’ intervenuto il VAR e l’arbitro ha giustamente concesso il rigore trasformato da Maric. Rete che vale tre punti e rilancia il Lugano in campionato. Ora è in programma un’altra difficile trasferta a Basilea.

RETE: 84′ Maric (rigore)

AMMONITI: Boubacar, Abubakar, Keckes

ESPULSO: 72′ Boubacar per doppia ammonizione

LUGANO: Baumann, Kesckes, Maric, Daprelà, Lavanchy, Lovric (81′ Macek), Custodio (70′ Covilo), Sabbatini, Guerrero (81′ Facchinetti), Bottani (55′ Ardaiz), Ababukar ( 70′ Gerndt). Indisponibili: Oss, Guidotti, Osigwe.

SAN GALLO: Zigi, Kräuchi, Stergiou, Boubacar, Fazlji, Ruiz, Quintillà, Guillemenot, Görtler, Duah, Yoaun. Indisponibili: Muheim, Alves, Stillhart.

ARBITRO: Fedayi San. Assistenti: Stéphane de Almeida e Pascal Hirzel. Quarto arbitro: Tobias Thies.

Ascolta l'audio dell'articolo