fbpx
Coppa: Basilea-Lugano 2

Nel mirino la terza finale consecutiva

Tutte le partite di questo periodo assumono un’importanza particolare. Quella in programma al Tourbillon sabato sera alle 20.30 può però considerarsi cruciale. Il Lugano si gioca infatti l’accesso, per il terzo anno consecutivo, alla finale di Coppa svizzera.

Tre finali in otto anni

Il 15 maggio 2022  i bianconeri vinsero il loro quarto trofeo superando per 4-2 il San Gallo mentre l’anno scorso vennero sconfitti dall’YB per 3-2. Nel terzo millennio solo una squadra è riuscita ad arrivare per tre volte di seguito all’atto finale. E’ successo al Basilea che però ha perso tutte e tre le partite (2012, 2013, 2014). Va aggiunto che il Lugano era già arrivato in finale nel 2016, al ritorno in Super League. La squadra allenata da Zeman venne sconfitta di misura dallo Zurigo.

Squadre di Coppa

Se il gruppo di Croci-Torti ha un recente buon feeling con la Coppa, il Sion, avversario in semifinale, vanta una sorta di primato. Ha vinto 13 delle 14 finali disputate. L’unica sconfitta coincide anche con l’ultima apparizione al Wankdorf, nel 2017 contro il Basilea finì 3-0. I vallesani sono anche gli unici ad aver vinto il trofeo quando militavano in Challenge League (2006). 

Due soli precedenti

Stranamente in quello che un tempo veniva chiamato il Trofeo Sandoz Lugano e Sion si sono affrontati solo due volte e sempre in tempi recenti. Nel 2010 a Cornaredo, a livello degli ottavi, ebbero la meglio i vallesani per 3-2 dopo i tempi supplementari. Il primo marzo 2023 al Tourbillon furono invece i luganesi a imporsi nei quarti per 3-0 (Sabbatini, Aliseda, Amoura).

Estromesso l’YB

In questa stagione il cammino del club del presidente Constantin si è iniziato con l’affermazione per 3-1 contro l’Etile Carouge ed è proseguito con l’eliminazione del GC (3-0). Dopo la vittoriosa trasferta sul campo dell’Onex (Seconda Lega), Ziegler e compagni hanno creato la sorpresa dei quarti estromettendo per 2-1  l’YB campione svizzero e detentore del trofeo.

Lugano sempre in trasferta

Per certi versi più complicato il cammino del Lugano che ha disputato in trasferta nove delle ultime dieci partite di Coppa svizzera. I quattro turni di questa edizione sono stati tutti giocati lontani da Cornaredo. Dopo le affermazioni a Gunzwil (7-0) e a Lancy (3-0) i ticinesi hanno vinto (4-0) sul sintetico di Losanna  e a fine febbraio si sono imposti ai rigori a Basilea, dopo che i tempi regolamentari si erano chiusi sul 2-2. 

Celar e Sorgic marcatori

Miglior realizzatore in Coppa è risultato Zan Celar con cinque reti, seguito da Steffen, Bottani e Vladi a quota due. Nel Sion è spiccato l’esperto Sorgic con 4 gol. Ziegler, Chipperfild e Berdaye ne hanno messi a segno due.

In lotta per la promozione

Nel campionato di Super League il Lugano ha chiuso al secondo posto la fase preliminare e da sabato 4 maggio (contro il San Gallo a Cornaredo) disputerà la prima delle cinque partite del Championship Group. Quanto ai vallesani, relegati lo scorso anno, occupano il primo posto in CL forti di 19 vittorie, 10 pareggi e tre sole sconfitte. Presentano il miglior attacco e la difesa meno battuta. Vantano 4 punti di vantaggio sul Thun che però ha disputato una partita in meno. Mancano cinque turni alla fine. La prima in classifica verrà automaticamente promossa mentre la seconda affronterà in un doppio spareggio la penultima del Relegation Group. 

Tholot talismano di Coppa

Sulla panchina del Sion è tornato a sedersi all’inizio di questa stagione il francese Didier Tholot che aveva già allenato i vallesani a due riprese nel 2009 per 74 partite e nel 2015 per 50. Vincendo in tutte e due le occasioni la Coppa svizzera!

Due ex tra i vallesani

La rosa allestita dalla dirigenza è già definita da Super League. Punti di forza sono tra gli altri il portiere d’origine congolese Fayulu, l’attaccante franco-marocchino Chouaref e gli ex bianconeri Ziegler e Lavanchy. 

Belhadj squalificato

I due allenatori dovrebbero avere a disposizione quasi tutti i giocatori delle rispettive rose. Nel Lugano mancheranno sicuramente l’infortunato Hajrizi oltre a Belhadj che sconta il secondo turno di squalifica per l’espulsione rimediata contro il Grasshopper.

 

 

 

Altri articoli

Prima Squadra
"Rispetto per i vallesani ma vogliamo la finale"