Shop Online!
    Lugano-Thun risultato finale

    Lugano-Thun risultato finale 1-3 (0-1)

    Si è iniziato male il 2019 calcistico per il Lugano. La squadra di Celestini è stata battuta a Cornaredo da un Thun gagliardo, bene impostato e tecnicamente valido. Oltre a imbrigliare le manovre bianconere i bernesi hanno approfittato degli errori degli avversari per colpire con il terribile duo d’attacco formato da Spielmann e Sorgic. Piccinocchi e compagni, meno brillanti che in altre occasioni, hanno faticato a costruire gioco e occasioni. Hanno sì concluso a rete ma senza la necessaria efficacia; è mancato spesso anche l’ultimo passaggio. Il portiere Faivre ha fatto la sua parte nelle occasioni in cui è stato impegnato, ma anche Baumann ha salvato la porta su un paio di pericolosi tiri. Già in vantaggio con Spielmann sul finale del primo tempo (errore di disimpegno bianconero) il Thun ha messo a segno un micidiale uno-due, sempre con la complicità dei difensori ticinesi, ancora con Spielmann e Sorgic nel giro di un paio di minuti. Nella fase di riscaldamento Domen Crnigoj ha avvertito un dolore muscolare e non ha iniziato il match. Al suo posto ha fatto l’esordio in maglia bianconera il nuovo acquisto Numa Lavanchy (foto TiPress) che ha messo a segno l’unico gol del Lugano.

    Una sconfitta che brucia e che dovrà essere dimenticata in fretta perché domenica è in programma la trasferta sul sempre difficile terreno del Tourbillon.

    RETI: 40′ Spielmann, 55′ Spielmann, 58′ Sorgic, 60′ Lavanchy.

    SPETTATORI: 2’377

    AMMONITI: Mihajlovic, Gelmi, Hediger.

    LUGANO: Baumann, Maric, Covilo, Sulmoni (67′ Fazliu), Lavanchy, Piccinocchi, Brlek, Mihajlovic, Gerndt, Bottani (82′ Janko), Junior (61′ Junior). Indisponibili: Sabbatini (squalificato), Daprelà e Macek (infortunati).

    THUN: Faivre, Glarner, Rodrigues, Gelmi, Joss, Tosetti, Hediger, Karlen, Sutter, Spielmann, Sorgic. Indisponibili: Costanzo e Righetti (infortunati).

    ARBITRO: Fedayi San. Assistenti: Bekim Zogai e Carmine Sangiovanni. Quarto arbitro: David Schärli.

    Commenta l'articolo