fbpx
Lugano non riesce a ripetere la prestazione di marzo con Basilea

Lugano non riesce a ripetere la prestazione di marzo con Basilea

Non riesce ripetere la straordinaria prestazione dello scorso 27 marzo l’FC Lugano Femminile contro il Basilea. Allora il match finì 2-1 per le bianconere nella prima storica vittoria del campionato Questa volta invece al termine dei 90 minuti oltre al recupero il tabellone è invertito e dice 2-1 per le padrone di casa dell’FC Basilea 1893.

Peccato per la squadra di mister Andrea Antonelli che ancora una volta ci ha creduto fino in fondo ora che manca una sola gara alla fine della stagione regolare in attesa dello spareggio per restare nell’AXA Women’s Super League.

Nonostante il saldo quarto posto senza più velleità di raggiungere il podio, Basilea si presenta allo stadio St. Jakob con l’intenzione di vincere e cancellare proprio il ricordo del match di inizio primavera a Cornaredo. Al tridente delle padrone di casa, le ticinesi rispondono con il consueto 5-3-2. Andreoli e Carp devono provare a bucare la difesa di casa, mentre Inés Palmeiro torna tra i pali nella consueta rotazione con Miriam Ubaldi. Succede praticamente tutto nel primo tempo. Basilea va sul 2-0 grazie a Pilgrim e Mayr al termine di un continuo capovolgimento di fronti che aveva visto vicino al gol anche Stella Suter e Tina Marolt per il Lugano. E’ proprio la Suter ad accorciare al 41’.

Anche la ripresa si apre all’insegna dei colori bianconeri. Andreoli ha la palla del pareggio sui piedi, ma l’estremo difensore del Basilea, Tschudin, che risulterà tra le migliori in campo, nega alle bianconere la gioia del gol in almeno quattro nitide occasioni. Lugano continua a dominare a centrocampo e prova a pungere in velocità. Dentro anche Petkova, Pinkney e De Marchi, le ticinesi diventano a trazione anteriore, ma la porta del Basilea rimane stregata. Anzi, le ospiti a dieci minuti dal termine sfiorano anche il 3-1 con un tiro un po’ fortunoso dalla distanza deviato dalla Palmeiro in calcio d’angolo. Ora l’ultima sfida di sabato 29 contro lo Young Boys Frauen e poi la partita che vale una stagione e forse di più.

Ascolta l'audio dell'articolo