La solidità difensiva segreto bianconero

    La solidità difensiva segreto bianconero

    Com’è già stato rilevato e commentato la sfida all’ultimo secondo per accedere direttamente ai gironi di Europa League si è giocata sulla differenza reti. E il Lugano, per la prima volta da quanto è tornato in Super League, ha potuto far valere un gol-average positivo, con 50 gol all’attivo e 49 incassati. Nemmeno nell’anno dell’altro terzo posto (con relativa qualifica europea) si era fatto meglio in quanto a fronte delle 52 reti segnate ce n’erano 61 subite. La scorsa stagione il bilancio era stato di 38 a 55 mentre con Zeman si erano messi a segno 46 gol ma se n’erano incassati 75.

    Si può quindi affermare che il segreto del Lugano di quest’anno sia stata la solidità difensiva, nel senso di reparto ma anche di attitudine di tutta la squadra a coprire spazi e recuperare palloni. Non a caso nessun altra squadra -ad eccezione di YB e Basilea- ha subito meno reti. E se nel girone di andata solo due volte i nostri portieri erano usciti dal campo imbattuti, nel ritorno ciò è successo ben 7 volte. 

    Commenta l'articolo